My Karma ran over my Dogma

La borsa di pelle appoggiata su una spalla, jeans scuri, camicia azzurra, una cravatta blu elettrico, mi avvio verso la macchina prendendo le misure ad automatismi ormai dimenticati. Mr. Hamilton apre la porta di casa in vestaglia, prende la copia del Baltimore Sun dal ciottolato e mi fa un cenno con la mano: «Mr D,Continue reading “My Karma ran over my Dogma”

Cristalli fragili

Imbecilli… Negli ultimi undici mesi Mrs. Connors ha insegnato trigonometria facendo la spola tra il portatile e le gemelline che demolivano il soggiorno un pezzo alla volta. Imbecilli… Michael ha smesso di nuotare lasciando che i suoi sogni olimpici affondassero sul fondo di una piscina cobalto. Imbecilli… Emily ha seguito le lezioni di latino autoriContinue reading “Cristalli fragili”

To live, to fight

I pullman di linea avanzano lungo le vie del centro trasportando pochi passeggeri assorti. Sfilano lungo strade per lo più deserte, superando negozi e ristoranti chiusi da mesi, con assi di legno a sprangarne le porte. Una pioggia ghiacciata scende glassando i parabrezza delle macchine e l’asfalto dei marciapiedi. Nei parcheggi dei centri commerciali, deserti,Continue reading “To live, to fight”

Sine Qua Non

Un vento artico e fastidioso spazza la strada, fa freddo, ma non freddissimo; il cielo è limpido e straordinariamente azzurro e carico di promesse. I miei studenti stanno traducendo malvolentieri storie che parlano di avvenimenti lontani, paesi lontani, dove un gruppo di Elvezi, -Ma poi dov’è ‘sta Elevezia?- distruggono i propri villaggi e si spostanoContinue reading “Sine Qua Non”

Status symbol

Oggetto: Come parlare agli studenti delle rivolte del Campidoglio. Gentili insegnanti, è probabile che i vostri alunni siano turbati dagli avvenimenti occorsi ieri a Washington D.C. ed è importante che il corpo docenti sia preparato ad affrontare questa situazione straordinaria. Se i vostri alunni non vi faranno molte domande, non forzateli a parlare o aContinue reading “Status symbol”