Minima immoralia

Il calore sfrigolante e appiccicoso ribolle sulle cime degli alberi di sicomoro. Le cicale suonano come camion dei gelati, come il sibilo di una pallina, il tintinnio del ghiaccio in un bicchiere di limonata: cicale che cantano furtivamente sullo sfondo come se fossero qui da sempre. Intanto un vento inconsistente soffia da est trasportando folate di aria umida e appiccicaticcia. Io e Mr Sullivan, il collega di latino alla Silvana High, seduti nel back yard di una modesta townhouse a metà strada tra Baltimora e la contea fissiamo senza troppa convinzione i nostri bicchieri strabordanti di Kool Aid e ghiaccio senza parlare. Sopra le nostre teste un cielo azzurro è tagliato a intervalli regolari da strisce bianche di aerei che graffiano il cielo. Nel frattempo il quartiere intorno continua a ronzare al ritmo di miliardi di cicale .

Nei cortili e nelle foreste degli Stati Uniti orientali è in corso uno dei più grandi spettacoli della natura. A quanto pare, ogni diciassette anni, miliardi di cicale della specie Brood X – nota anche come Great Eastern Brood – in una fascia geografica che va dal Tennessee allo stato di New York, escono dalle loro tane sotterranee per trascorrere i loro ultimi giorni a fare festa al sole. Queste cicale hanno vissuto per diciassette anni sottoterra, scavando tunnel e nutrendosi di radici. Ora che sono di nuovo in superficie, il loro unico scopo è quello di trovare un compagno con cui accoppiarsi. E così il ronzio rumoroso che assorda il quartiere è in realtà un canto d’amore emesso da insetti maschi che flette un organo simile a un tamburo chiamato tymbal.

Cicadas 2021: Billions of Brood X bugs set to emerge in eastern US - CNN

Questa generazione di cicale è nata nel 2004. Allora Facebook era solo un esperimento all’Università di Harvard, Friends mandava in onda il suo ultimo episodio e un commando di terroristi ceceni prendeva in ostaggio un’intera scuola nella regione dell’Ossezia del Nord uccidendo 330 persone (186 delle quali studenti).

Intano, nel silenzio le ninfe delle cicale appena nate cadevano dagli alberi e si insinuavano nella terra. Da allora sono rimaste lì, nutrendosi della linfa delle radici di erbe e alberi, maturando lentamente. Tutta questa preparazione ha portato a questo momento in cui riemergono a frotte – fino a 1,4 milioni per acro per mutare nella loro forma adulta, cantare la loro assordante canzone d’amore e produrre la generazione successiva prima di morire poche settimane dopo.

A Mr Sullivan frega poco delle cicale, la sua angoscia è legata a problematiche molto più immediate: il lavoro. A quanto pare, i colpi di coda del cambiamento e della giustizia del politicamente corretto, del riprendiamoci quello che ci è stato sottratto con la violenza e l’inganno, soffia anche tra il marmo dei testi classici pizzicando la barba di Quirino. Secondo Mr. Sullivan ci dobbiamo aspettare una rivoluzione ideologica contro la lingua latina .

Mr. Sullivan è un ipocondriaco e questo l’ho capito tempo fa, eppure nella sua frenesia c’è comunque un sottile fondo di verità. Esiste una tradizione secolare di bianchi americani che ha abusato dei classici per giustificare la schiavitù e, per estensione, per promulgare il razzismo anti-nero. Questo fa parte di una storia di intenzionale, palese supremazia bianca all’interno dell’educazione classica. Così ora, mentre i distretti scolastici e i dipartimenti sfidano il modo in cui viene insegnata la schiavitù antica, troppo spesso l’istruzione classica finisce con il supportare maldestramente una versione igienizzata e imprecisa della schiavitù che si basa sugli stessi concetti usati dagli schiavisti del sud e dai Confederati . Come dovrebbe sentirsi un ragazzo afroamericano alle prese con una versione dal titolo: Lo schiavo felice? Si sentirebbe a suo agio nel tradurla, o peggio ancora leggerla davanti alla classe?

Io sorrido serafico, lasciandomi trasportare dal suono delle cicale, dal gusto amarognolo e ormai tiepido del Kool aid, chiudendo gli occhi, facendo finta di essere in chissà quale pineta mediterranea arroventata dal sole,

Ascolta. Risponde 
al pianto il canto 
delle cicale 
che il pianto australe 
non impaura, 
nè il ciel cinerino. 
E il pino 
ha un suono, e il mirto 
altro suono, e il ginepro 
altro ancora, stromenti  
diversi 
sotto innumerevoli dita. 

D’annunzio. La pioggia nel pineto

Mr.Sullivan continua a parlare ma la sua voce è in parte coperta dal frinire incessante delle cicale. Il rumore si confonde con quello dei motori dei condizionatori, sopra di noi il cielo azzurro promette un’altra giornata serena, i seniors questa sera festeggeranno la loro graduation e domani le cicale si lasceranno morire…

Mr.Sullivan continua a propormi soluzioni anglosassoni che profumano di politically correct, liste di lavori latini che parlano di integrazione: testi cinesi tradotti in latino che riflettono la via della seta e descrivono i pellegrinaggi alla Mecca. Testi latini e testi tradotti in latino sui regni del Nord Africa come il Regno di Kush; Cartagine; il Regno di Axum; il Regno del Mali. Testi latini e testi tradotti in latino riguardanti i regni ad est dell’Impero Romano, come il Ponto; Persia; Bactria; Ariaca. Scrittori latini non italiani (Terenzio, Apuleio, Agostino, Tertulliano; Seneca, Mela, Lucano, Columella). Il genere nel mondo antico della regione mediterranea. Testi latini o testi tradotti in latino scritti da donne. Passaggi su Didone da fonti esterne alla penisola italica, in latino o altre lingue tradotte in latino. Passaggi su Settimio Severo, imperatore romano nato in Nord Africa (Libia). Traduzioni della poesia di Saffo dal greco al latino. Interazioni greco-indiane descritte nei testi latini e greci. Il ruolo del latino nel colonialismo. Testi latini che descrivono la vita e la realizzazione degli imperatori romani Settimio Severo (nato in Nord Africa) e Marco Giulio Filippo (nato ad Aurantis nell’antica Siria) Estratti dall’opera di Flavio Giuseppe che descrive la ribellione ebraica contro i romani, compreso l’assedio di Masada e la distruzione del Secondo Tempio. Testi latini su Annibale; testi su Annibale da altre lingue tradotti in latino. Testi su Boudica; Zenobia.

Mr. Sullivan si accorge quasi subito che in realtà non lo sto proprio ascoltando, allora mi fissa con riprovevole biasimo, scuotendo la testa.

Io sorrido e dico:

Per terre ignote vanno le nostre legioni

a fondare colonie a immagine di Roma

“Delenda Carthago”

con le dita colorate di henna su patrizi triclini

si gustano carni speziate d’aromi d’Oriente;

in calici finemente screziati frusciano i vini,

le rose, il miele.

Bellissima, mi dice Mr.Sullivan, questa fa proprio al caso nostro. Chi è?

Battiato, replico io…

E chi è? Un filosofo epicureo?

No, un poeta siciliano…

Intanto le cicale si tendono a terra come una coltre su cui scricchia il piede come sullo zucchero.

Published by excathedra20

Insegnante di latino e italiano per una decina di anni in Italia, dal Duemilaundici in una scuola superiore negli Stati Uniti.

2 thoughts on “Minima immoralia

  1. Salve Mr.D, seguo il tuo blog da olre un anno. Sei sempre più bravo e emozionante. Hai mai pensatoad un podcast in cui leggi i tuoi post? Buona giornata dal Lago di Garda.

    Liked by 1 person

    1. Grazie per i complimenti Antonio. In realtà tra novembre e dicembre alcuni episodi di Mr.D sono andati in onda su radio popolare. Le storie le leggeva Irene Sparacello, sicuramente molto più brava di me. Stiamo lavorando a una seconda stagione che potrebbe partire dopo l’estate, Nel frattempo puoi riascoltare i podcast dal sito.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: