Fluttuo tra le stelle

Inter sidera versor,

Le elezioni sono passate come una grandinata d’estate, portandosi via strascichi di telegiornali, le dirette da Washington D.C, dati e numeri.

Un vento artico durante la notte ha strappato dagli alberi le ultime foglie giallo crema e rosso malva abbandonando i rami nudi al cielo freddo e lucido come uno specchio d’acciaio.

Il mondo si è stancato di guardare a occidente, a queste elezioni isteriche, così, poco alla volta, si è girato avviluppandosi nelle proprie pandemie; e ora noi, qui in America, ci sentiamo un po’ più frastornati, simili a ragazzini che intrecciano le braccia troppo lunghe per nascondere maldestramente un silenzio imbarazzante.

Torno a fissare il monitor e ad ascoltare Kaylee che sta traducendo Virgilio in un’interrogazione virtuale che si sta trasformando una parola alla volta in una mattanza… -Kaylee sorride nervosamente boccheggaindo parole alla ricerca di idee fresche; io, dal canto mio mi limito a scuotere la testa senza aggiungere altro. Il tempo passa e la traduzione stenta ad arrivare.

C’è tempo…

Dopo quasi un anno di labor limae, e telefonate, e email, e altre telefonate, Priscilla, Kenzie, Uriah, Seth, Destiny, Mr Cummings se la sono svignata dalle pagine del mio blog e si sono intrufolati nell’eternità della carta… in un libro, e adesso mi salutano baldanzosi dai siti di Amazon e Ibs e Kobo… ricordandomi che per quanto piccola questa storia possa essere, beh… come disse una volta anche un uomo di spettacolo: anche un singolo capello, per quanto piccolo proietta la sua ombra.

Etiam capillus unus habet umbram suam.

Publio Siro

Per tutto il mese di novembre Mr. D racconterà delle sue storie anche su Radio Popolare. Voce narrante: Irene Sparacello /soundtrack: Andrea Parodi, montaggio: Massimo Meregalli.


Ai miei lettori abituali, anche a quelli che mi leggono sul blog e che magari non acquisteranno una copia di Hey, sembra l’America, chiedo per piacere di recensire il libro, anche solo qualche stellina, su amazon, questo piccolo gesto aiuterebbe tantissimo a promuovere il libro e il blog.

Photo by cottonbro on Pexels.com

Oggi come a giugno, anzi oggi più che a giugno ringrazio nuovamente tutte le persone e gli amici che hanno aiutato queste storie a sognare supportando la piccola editoria acquistando una copia del libro in prevendita.

Irene, Adriano, Adelchi, Giuliana, Andrea C., Federico, Silvio e Cristina, Margherita, Antonio, Anna Maria, Anna, Giorgina e Diego, Gerarda, Roberto, Elisa, Giuliana, Mauro, Paolo, Maria Teresa, Vittorio, Miriam, Carla… lo so, ce ne sono molti di più e anche a voi tutti va il mio Grazie.

Mister : D


Da oggi Hey, sembra l’America è disponibile in tutte le librerie italiane e sui pricipali siti di ecommerce

amazon.it

mondadori store

ibs.it

Published by excathedra20

Insegnante di latino e italiano per una decina di anni in Italia, dal Duemilaundici in una scuola superiore negli Stati Uniti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: