Yes we can, make America great again. Il vecchio che avanza.

Katie mi scansa con ruvida delicatezza e comincia a digitare velocemente. ‘Ecco, dice alla fine, così va meglio, leggi…’

Leggo…

La mail ha l’odore dolciastro delle camelie e delle tagete che si decompongono lentamente trasformando la loro fragranza in un pungente olezzo di morte. In Italia un genitore si sentirebbe apertamente preso in giro da un incipit così zuccheroso, qui non è così. L’ America non ha mai tradito il suo  inguaribile ottimismo, l’ha solo metabolizzato e messo in un vasetto di plastica per poi farlo invecchiare con malinconica nostalgia. L’ottimismo è rimasto nel fondo del vasetto che però col tempo è ingiallito e ha perso freschezza, come un Michael Jackson che

vuoi leggere di più? 

Published by excathedra20

Insegnante di latino e italiano per una decina di anni in Italia, dal Duemilaundici in una scuola superiore negli Stati Uniti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: